Exhibition place

Da sempre Shingle22J, la Biennale d’Arte Contemporanea di Anzio e Nettuno, impiega come locations per le sue mostre e per tutti gli eventi culturali luoghi d’arte storici e spazi urbani delle città di Anzio e Nettuno.

Villa Adele – Museo Civico Archeologico

Via di Villa Adele, 2 – 00042 Anzio (Roma)

Posto al pianterreno della secentesca Villa Pamphilj, il Museo Civico Archeologico di Anzio, inaugurato nel 2002, è articolato in nove sale. Nel percorso espositivo sono illustrati i momenti più rappresentativi dello sviluppo e della vita dell’antica Antium attraverso tre livelli conoscitivi integrabili tra loro secondo gli interessi dei visitatori: i materiali, le note informative, le fonti letterarie, storiche e documentarie.

Top

Villa Sarsina

Via Gaspare Ambrosini – 00042 Anzio (Roma)

Di fronte all’antico porto neroniano sorge uno degli incantevoli edifici di Anzio, Villa Sarsina-Aldobrandini, fatta costruire tra il 1740 e il 1745 dal Cardinale Neri Maria Corsini, sulle rovine della villa dei Cesari.
La villa venne circondata da mura possenti di difesa, con una serie di guardiole ancora oggi visibili nel lato mare.
Villa Sarsina gode di una posizione panoramica ideale, motivo per il quale passò nelle mani di diversi proprietari, ambita per il suo collegamento agli antichi abbeveratoi.

Top

Forte Sangallo

Via Antonio Gramsci, 10 – 00048 Nettuno (Roma)

Il Forte Sangallo fu costruito tra il 1501 e il 1503 da Antonio da Sangallo su progetto di Giuliano Giamberti, per volere di Cesare Borgia, detto il Valentino. Nelle trabeazioni interne alcuni intravedono la mano del Bramante.
All’interno del forte si innalzava in posizione centrale un possente mastio, ampliato in seguito con nuovi piani per accogliere una guarnigione più numerosa. Dopo i Borgia, sono i Colonna a possedere il forte fino al 1594, quando lo cedono alla Camera Apostolica. Dopo alterne vicende, il castello passa ai principi Borghese nel 1831.

Top

Parco Archeologico

Via Fanciulla d’Anzio – 00042 Anzio (Roma)

Area archeologica che comprende: il porto, fatto costruire dall’Imperatore Nerone, con una superficie di 34 ettari e di cui restano visibili i due moli, e l’area dei magazzini portuali (conosciuti come Grotte di Nerone) alla base del molo di ponente, la Villa imperiale che si estende su un fronte di 800 metri a picco sul mare. Il primo nucleo della costruzione risale all’età repubblicana (II sec. a.C.) con successivi ampliamenti ed arricchimenti nelle successive età augustea, giulio-claudia, adrianea e severiana.

Top

Mappa

Visualizza Shingle 22J - Location in una mappa di dimensioni maggiori

X

Il nostro sito fa utilizzo di cookie di terze parti. Proseguendo la navigazione si accetta l'utilizzo dei suddetti cookie. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close